La mia felicità

La mia felicità

Un giorno ti incontrai

E quel giorno ti amai per sempre.

Poi ti persi sui passi

ottusi della ragione

e fu subito notte.

E nella notte udii

le note della pioggia

e furono lampi e tuoni

e furono frane e terremoti

e poi…

poi fu la luce.

Fu la luce del giorno

che accecò la ragione

e allora il cuore  

la guidò

e insieme

seguirono orme di felicità,

e ascoltarono la musica del vento

e annusarono gli odori  del mare

e salirono sui monti

e attraversarono le valli  

e giunsero alla sorgente dell’arcobaleno:

– lì un uomo accarezzava il suo cavallo selvaggio –

– Tu, ancora tu – 

– sei tu la mia felicità –

 

La mia felicitàultima modifica: 2011-09-11T00:39:00+02:00da a.antonia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento