E’ stato uno strano Natale

Da quando mi sono salvata da un cancro credevo di aver capito meglio il mestiere di vivere al meglio il presente e di non rimandare, invece so che rimando ancora il dolore. 

E’ stato uno strano Natale. Ho vissuto il calore dei miei cari che mi piace tanto, ho guardato il film “Basta che funzioni” che mi ha divertito e mi ha fatto pensare a ciò che non riesco a vivere, ho saputo che il mio caro amico, compagno di studi, ci siamo laureati lo stesso giorno, eravamo in tre, adesso lui è….morto.

Un uomo con una tenace affettività verso la sua terra, la sua famiglia e i suoi amici, un ragazzo sbattuto nel mondo dalla sua eccezionale intelligenza razionale, che ha sconquassato e ricucito la sua vita emotiva più volte….

Morto. Tornerà così. Ed io ho voluto scrivere perchè non voglio aspettare per soffrire. Lo so che so rimandare. E la lontananza aiuta. Erano 15 anni che ci invitava e quest’estate avevamo deciso di andare in Olanda, finalmente.

E’ stato uno strano Nataleultima modifica: 2009-12-26T02:59:00+01:00da a.antonia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento